L’eclissi

Pubblicato gennaio 21, 2019 di chiaramarinoni
Categorie: Uncategorized

 

20190121_055006

Foto personale. Nel buio della mattina presto, circa le 5,50 se guardi bene c’è un puntino rosso… è la luna.

 

Ho visto l’abuso della notte
avanzare a morsi, da regalare
all’altra metà ignara
lo scempio del nulla
che come simposio
muta l’ardire: una melodia
costantemente silenziosa.
L’ombra furtiva ruba
l’immagine limpida dell’amore
che declama al vento
passione e voracità dell’altro
ammirata al nudo animo
di un solo attimo
pochi minuti diapason
corde vibrare oltre il suono
così il riscatto è compiuto
ritorna a sorridere nei suoi laghi
di lacrime amate.

Chiara

Annunci

Il titolo

Pubblicato gennaio 18, 2019 di chiaramarinoni
Categorie: Uncategorized

img_20190114_115054_987

Foto personale

 

Ci sono volte che il titolo

è una parola buttata lì

giusto per aprire

o chiudere il filo

dove fare nodi

per contenere perle.

Altre volte il titolo

è un sasso a bucare

come lava rovente

il tessuto fragile del monte.

Comunque, sempre

lascia tracce di se

dentro questo mare.

Parole che hanno anima

troppo grandi da contenere.

Chiara

Solitudine

Pubblicato gennaio 16, 2019 di chiaramarinoni
Categorie: Uncategorized

img-20190110-wa0001
Foto personale.

Pagine vuote oltre il silenzio

hanno piene le tasche

gridano al passo di un attimo

come il cadere di un brivido

sulla pelle, si attorciglia all’animo

quieta,  l’andare deĺ tempo

scrive di giorni

al calare della sera

e di notte l’avvicinarsi dell’alba

dove muto è l’ardire.

Pagine pagine di silenzi

lungo strade infinite

arroccate sopra stelle

sogni ancora da scrivere.

Chiara

L’ ieri di oggi

Pubblicato gennaio 12, 2019 di chiaramarinoni
Categorie: Uncategorized

20190105_171511

Foto personale: Lago di Endine ghiacciato.

Ieri, dentro le labbra
di un bicchiere
mi accorsi del silenzio
terapeutico, a me
che di blaterare ho il vanto
e come il passero sul ramo
non indugio, esigo
passare dal pianto
al sonno: poi, ho occhi
che di vela vanno oltre
e la mente viaggia
dentro fiati di camini
sopra il vento facile
quello che di sera va
è femmina,  a casa.
Non capisci come
ma è cascata di fiume
questo mio pianto, non  ti accorgi
perché ho il sole tra i denti
e grido come pochi
allo stadio dei bugiardi.
Non sopporto le angherie
non sopporto il sopportare
a forza, il mio stare muto
una condizione di oggi
per non essere
un lindo lenzuolo a coprire.
Chiara

Frammenti di dolore

Pubblicato gennaio 7, 2019 di chiaramarinoni
Categorie: Uncategorized

 

20181231_170233

Foto personale: Lago di Endine, tramonto.

 

Frammentarie parole

bastano a dire

al mio vocabolario

di non essere silenzioso?

Troppe orecchie hanno udito

lo strazio di un dolore

afflitto di coraggio

alla parola, mai spesa

per un nulla ma viva

al voler dire tanto

senza uscire dai fiati.

Un barlume di luce

in questo inverno

fa da palo al voler

parola per parola

uscire una per volta

meditando il senso

di un giorno qualunque

profondo come l’abisso

per poi galleggiare

senza un suono

lungo il lago.

Ti sei accorto del dolore?

 

Chiara

 

 

 

Questa mattina il cielo sa dove andare

Pubblicato gennaio 4, 2019 di chiaramarinoni
Categorie: Uncategorized

20181225_074344

 

 

 

 

Foto personale …alba

 

Un fiato s’allunga dentro una foglia

ghiaccio e brina, zucchero per la dieta

mentre cammino l’odore del tempo

entra nei camini accesi ravvivando

quella fiamma ormai spenta .

Un gesto di rammendo tra gli aghi

ricomincia con gemme, poi

vedrai i fiori a tempo debito.

Il filo d’erba si nasconde dal vento

come se avesse paura del giorno

che passa ma torna quotidianamente

lasciando stupiti i merli salterini

con filamenti per il nido e briciole

per i pulcini che ancora non sanno

dove andare, come il cielo che va

verso ciò che tu puoi vedere

il resto non conta c’è già

basta girare pagina.

 

Chiara

 

 

 

 

 

Pubblicato gennaio 2, 2019 di chiaramarinoni
Categorie: Uncategorized

IMG-20181223-WA0005

Foto personale

 

Ti accarezzo vita

come una piuma nel vento

leggera (si fa per dire)

sorvolo con ali di gabbiano

il tempo ancora da vivere

sbriciolo paure lungo i fianchi

uno swing di note

da percorrere col fiato in cammino

aperto al nuovo

sogni da conquistare

perché sì, la vita, è bella

e va vissuta con amore

e speranza, una danza armoniosa

se qualche volta s’incrina

e una lacrima scende

che sia per le gemme

un sorso di vita.

Chiara