L’ATTIMO FUGGENTE

Nel mentre di ogni soffio

d’alito, fugge ciò che è

all’istante, che accada.

Corre come un ossesso

il pensiero, fugge

ed è già passato, l’attimo

di una parola calcolata nella mente.

E’ così che impazzisce o rinsavisce

chiuso dentro nelle pareti

ad attendere l’attimo che accade

ed è già passato.

Come trattenere l’attimo?

A volte è un bene che fugga

via, troppo dolore il soffermarsi

di un verso anche se in rima.

Spesso però, vorresti trattenerlo

anche solo per uno scatto

un click, un flash.

Quanto si è perso in quell’attimo?

Una vita intera

nell’attimo di un solo

in interminabile secondo

prezioso di un dono.

Chiara

Annunci
Explore posts in the same categories: Uncategorized

3 commenti su “L’ATTIMO FUGGENTE”

  1. uriel_e=mc2 Says:

    Solo la poesia riesce integrare l’infinatamente piccolo e l’infinitamente grande. Come è giusto che sia, perchè il suo tempo è quello del sentimento (che non conosce tempo).


  2. In realtà tutti gli attimi della nostra vita sono fuggenti, cerchiamo di fermarli in qualche modo con una poesia o una fotografia, ma non funziona così, anche i ricordi si deformano e rimaniamo come affannati sempre incerti anche di cosa abbiamo già vissuto oltre che di quello che ci aspetta.

  3. Rosemary3 Says:

    L’attimo che fugge inesorabilmente, mentre si dondolano con l’alito di vento i tuoi stupendi versi, cara…
    Buona domenica
    Ros


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: