Solitudini di stanze vuote.

Dalla persiana
la luce soffusa
ricama silenzi
le ombre tacciono.
Lo specchio è triste
solo, riflette
memorie antiche:
un dipinto, una brocca
il mare limpido di un sogno.
Le parole intrecciate
tra la polvere appesantiscono
il foglio ormai ingiallito
e il pennino giace, muto:
ha perso la sua adorata penna
volata chissà dove
forse nella fantasia di un pittore
che ancora crede ai sogni.
Oltre la porta
la vita.

Chiara

Explore posts in the same categories: Uncategorized

4 commenti su “Solitudini di stanze vuote.”

  1. Antonio Says:

    “il pennino giace muto”….trasmette un’immagine molto intensa quanto veritiera…
    ciao Chiara, ti lascio una dolce serata

  2. 65luna Says:

    Complimenti, scusa se sono passata solo ora ma recuperero’! Abbraccio,65Luna


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: