Archivio per gennaio 2017

Stazione centrale, binario 21

gennaio 26, 2017

museo-shoah-milano-binario-21

foto presa dal web.

 

Ferma lì, in attesa, alla stazione

ho visto un binario, morto

tanti sogni danzare 

un mi manchi, scritto 

inciso tra l’aria dei vagoni

che svaniscono dentro il ferro battuto

o semplicemente dietro uno schizzo

con tante lacrime d’angoscia

e l’indifferenza dipinta nello scorrere

di giorni che qui, non son mai andati via.

Ti vedo, ora, nel vento

su questo binario vuoto e

qui, sento l’anima vibrare.

 

Chiara

 

Per non dimenticare 27 gennaio giorno della memoria

 

 

Il lago di ghiaccio

gennaio 23, 2017

3032

Foto personale.

 

Non posso camminare sul ghiaccio

scivolo, lastre lucide attanagliano.

E’ lento lo scorrere, appesantisce

nel silenzio del cuore le impronte

nelle crepe, parlano

lanciando segnali: tonfi

che ad anello invisibile

scuotono, ululando, l’incedere.

Terrore, è la mancanza del fiato

assenso/dissenso scrivendo

sul gelo quanto è profondo

l’orrido orrendo d’anni di ordinanze

qualcuno cade nel tramonto

il vuoto assorbe il tempo

e la lastra indifferentemente

brilla nel sole lanciando

l’ultimo grido di uno sguardo.

Chiara

Estrazione d’egoismo

gennaio 14, 2017

img_20160606_103224

Foto personale.

 

 

Infallibile presunzione

dalla testa ai piedi

unico riferimento il silenzio

che parte dal cuore.

Tutto si infiamma, l’orgoglio

a prescindere, macchia il selciato.

Cerulea presenza nelle giornate

importanti da incorniciare

prima di essere esposti

tra l’aria rarefatta e la punta dell’iceberg

un passo dal disgelo.

Chiara

Posizione di anormalità tra il crepuscolo e la sera

gennaio 2, 2017

il-lago-varie-023

Foto personale.

 

Viaggi in apparente trasparenza

specchio lucido di ricordi

alla memoria storica e senile

di petali incastonati in biglietti

di carta, naturalmente papiro

ruvida: attenzione al caso.

Stonature a intermittenza

e brochure dettate dalla voglia

di nuove costruzioni (mercato

in cerca di cuore).

Ultima risorsa il sole

sorride in piccole gemme

sparse nell’orizzonte amaranto

chino con occhi lucidi e tremanti

a dispensare baci sull’acqua

prima che sia pelle d’oca

in balia del vento: ultimo accesso

alla spontaneità – diversamente giovane.

Chiara