Archivio per gennaio 2020

Bambini silenziosi

gennaio 27, 2020

Screenshot_20200127-160519

Foto presa dal web.

 

 

Avevo freddo guardando aldilà

del filo spinato

volevo giocare senza i cadaveri

ma loro erano nei miei occhi.

Non sapevo perché

volevo stare con mamma

un passo avanti e finivo cavia.

Sono stato fumo di giorni sereni.

non posso dimenticare

non devo farlo, sono libero

e la mia libertà è ancora

un numero senza nome

in un’altra città in un altro lager

un’altra storia di diversi

nel tempo di oggi senza memoria.

Chiara

Grumi di assenze

gennaio 21, 2020

20200118_170342

Foto personale

 

Mancano i fiati

si adagia il silenzio

muto il passo, all’alba

si crede e poi, si cammina.

Scrivo e l’inchiostro macchia,

il calamaio non ha colpe

soltanto che col tempo secca

si accumulano le parole

illusione di passi nel vento.

Si diluisce con l’acqua?

Chiara

 

 

Il calore dell’ombra

gennaio 15, 2020

IMG-20200101-WA0004

Foto personale.

 

L’ombra s’adagia
copre il cuore
il profumo dell’aria
scalda ancora
i passi di zucchero
della nuova primavera
sole e luna s’incontrano
tra il vermiglio e il ceruleo
l’abbraccio muto
del tempo immortalato
nell’emisfero notturono
mi trova qui impaziente
a scrivere emozioni.
Chiara

Rami dimenticati

gennaio 12, 2020

IMG-20190901-WA0005

Foto personale.

 

La ghiaia scricchiola sotto i piedi

inutile dire quanto è friabile

col tempo, usura la memoria.

Verde il muschio dove i passi

dimenticano gli anni

anche i ricordi si perdono.

Tutto però riaffiora

un filo d’erba

un fiore mai piantato

un bottone dimenticato

e come per incanto

il suono dolce del vento

riporta paure e dolori

rami spezzati

oramai sottili filamenti

penzolare a ragnatela

sul muro di cinta

quasi a voler chiudere

un sogno mai fatto.

Sarebbe bello raccogliere i rami

per farne un centro tavola

a Natale.

 

Chiara

 

 

 

Amami

gennaio 11, 2020

20191010_185233

Foto personale

Col nodo in gola
ho chiuso la parola
alle idee dentro
fuori piove
con lacrime a fiumi
scorre lento
il sapore amaro
ferro arrugginito
dove vado?
Paese sera è nei giorni
so che il vento
è di casa, ma dov’è?
Dove tu hai il mio sorriso.

Amami.

Così potrò dare spazio
ai puntini e alle virgole
nella massima espressione
dei miei baci.
Fuori piove
Amami con i tuoi sorrisi
così potrò sognarti ancora
lungo scogliere
ad afferrarmi la mano
mentre il sole s’adagia
lungo lo scorrere del fiume
col mare dentro.

Chiara

 

Scoprire

gennaio 9, 2020

20200103_074806

Foto personale

 

Ho scoperto le spalle
pelle nitida ancora
di sogni: ho scoperto
in fila indiana
il fiume che accarezza
sentieri nuovi.
Io, immancabile
scoperta non visibile
all’occhio
occhiaie profonde
stridono al sorriso
ma dentro perle
di un mare in piena
da solcare.
Ho scoperto dune
deserto spiegato
da innumerevoli passi
solitari di avvoltoio.
Ho lasciato scoperto
ogni peso alla fine
ed è una metafora
ancora da scoprire.

Chiara

A fine anno

gennaio 3, 2020

IMG-20200101-WA0008

Foro personale. Lago di Iseo

 

Seduta qui sul divano
un film che attraversa la vita
finale felice, un niente di tutto
soltanto sogni a saldo.
Il sole è calato
dentro una semplice montagna
di quelle calme, quiete
di cipressi al tramonto
in file d’attese
per un amaranto sorriso
spalmato di neve
Dopo giorni di pioggia
affaticamento di ossa e dolori
di fogli e pensieri
usciti dal vaso di Pandora
stanco di lacrime
ora colleziona farfalle
quelle che, boom, emozionano
con il loro volare libere.
È il solstizio d’inverno
il giorno s’allunga
la notte s’accorcia piano
va giù come le gocce sul vetro
il destino è scritto
fra giorni è l’ultimo di un anno.

Chiara

Caro destino

gennaio 1, 2020

 

IMG-20200101-WA0000

foto presa dal web.

 

Ci sono giorni
dove ti ho dato la pelle
altri le mani
qualche volta
solo silenzio.
Tu, tra il grigio mattino
il verde sorriso
di una pagina vuota
hai intrecciato
altri tuoi rami
oltre il broccato
di un sudario
a radici di sabbie mobili
dove per uscire c’è una scala
senza piani solo incertezza
all’ultimo dei tuoi gradini.
Sono stata proprio brava
ti ho costruito con tutti
i crismi, i versi e gli a capo
ora vorrei, se posso
un regalo di quelli
che “eureka” ho spaccato
per poi soltanto
abbracciarti, ma sì
se proprio non puoi
va bene anche così
con meno a capo
e più Eureka.

Chiara