Archivio per maggio 2020

Discorsi

maggio 31, 2020

IMG-20200101-WA0006

Foto personale

Passaggi di pieghe

lungo file di perle

abbarbicate oltre i confini

seminano parole

in aggrovigliati rovi.

Muto l’azzurro, a rovesci

di temporali che incrinano

su pergamene di getto, l’ardire.

Domande e risposte

su fili ad asciugare

in attesa che il silenzio

compia l’opera di restauro.

Invano colonne di formiche

cercano rifugio in alcun che.

Rimane sempre il desiderio

del viaggio oltre la meta.

Chiara

Nelle notti della mia primavera…

maggio 26, 2020

IMG-20200429-WA0003

Foto personale.

 

…ci sei tu

con la voglia di sole

allungando i brividi di rugiada

tra gli steli di una rosa

con ali di farfalle

silenziose nel mio sorriso.

Sei il ricamo profumato del domani

accarezzi con il mare della sera

le pieghe di giorni a sorpresa.

La nuova gemma sei tu

che raccoglie stelle brillanti

per farne filari d’uva

a gustare insieme i grappoli saporiti

della vita che ci è passata accanto

senza rimpianti; e poi domani

si sa è ancora primavera

se ci sei tu.

 

Chiara

 

 

 

 

 

maggio 22, 2020

IMG-20200520-WA0007

Foto personale.

Uno sguardo è caduto

sull’acqua di rosso vestito

diafano il sorriso

taglia di netto l’aria.

Passano innocenti

le parole, alabastri

per chi ancora ci crede.

Chiara

Fase due…passeggiando

maggio 18, 2020

IMG-20200516-WA0001

Foto personale.

 

Sto passeggiando

nelle mie solitudini

impronte serene

che cercano briciole di cielo

lungo il selciato.

 

Silenzio dunque, anche oggi

tra le dita il paesaggio linfatico

un mio battito segue il tempo

disegna ciò che vorrei

anche se spesso il volere

è effimero, qui solo la speranza

è vita nuova.

Chiara

 

 

 

Niente è normale

maggio 15, 2020

 

20200321_123447

Foto personale

 

Le primule

del mio grembiule

c’è chi non sa

o non vuole sapere

cosa siano, alcuni dicono

fiori, per me sono i sorrisi

in un cielo azzurro

quando mancano le parole.

Chiara

A mia mamma

maggio 13, 2020

IMG-20190928-WA0005

Foto personale.

Il mio albero

Vorrei che mi scrivessi
com’è il cielo che vedi
dei sogni di betulla
degli aghi perduti e
di quel mare di radici
che parlano di noi

che mi raccontassi
dei tuoi rami nodosi
della corteccia forte
che accarezza i teneri
germogli di ieri
cresciuti troppo in fretta.

Potresti dipingere la tua linfa
tra le pieghe dell’acqua piovana
per affrontare oltre il magma
dei granelli di terra, il fiume
che piano passa nelle viscere
in un paesaggio che vive, così

forse, capirei questa assenza
tra l’erba infestante
di zolle incolte, dove l’aratro
sa di non dover passare
perché perderebbe la forza
nel volerti trattenere.

Anelerei averti ancora qui
per ammirare le tue fronde
sedermi sotto, all’ombra
dove i pensieri riposano
sicuri e protetti dal vento che
nelle sere d’estate portano via.

Ti ammiro ogni volta
anche in inverno dove il tempo
si fa breve, nelle luci soffuse
e nei brividi di neve
ti osservo nei velati passi
della bruma a contare silenzi

so che ci sei, sento il tuo brusio
palpeggiare l’umido mio viso
quando le lacrime si nascondono
tra la pioggia, per avere ancora
un tuo sorriso tra le foglie
dei miei giorni.

Chiara

Nulla di noioso, per una quercia

maggio 11, 2020

20190716_181541

Foto personale.


 

Questo anno, muto di tanti

uso il peso per dare voce

ai giorni, a volte  con voli leggeri

altri sprofondando neĺl’ io.

Non seguo ritmi e origami

ascolto il fondo di una conchiglia

ultimo ricordo del mare

-gioventù che mi segue-

sempre come ieri

da dentro e da fuori

gli occhi non mentono

e chi se ne frega

anche la quercia ha foglie cadute

ha rughe profonde con incavo

dove chi vuol nascondersi

trova rifugio e quindi?

Così sono io, amo guardare il cielo

e viverlo dalla cima

al fondo senza se e ma.

Quello che più mi spaventa

sono i temporali, imprevedibili

poi vivo l’arcobaleno

ed è come rinascere ogni primavera.

 

Chiara

 

E’ sorprendente

maggio 9, 2020

IMG-20200502-WA0004

Foto personale.

 

Mi è dolce sentire il canto del tempo

passare così, lentamente

e come per ogni rumore

il vento fa suo l’orizzonte

portando con sé discorsi

mai ascoltati,  solitudini sparse

tra la gramigna e il maggenco.

Immensi di nuvole disegnano

destini a pioggia, per noi

coriandoli dell’eternità

specchiarsi nel fiume la sera

come lucciole senza meta.

La luna di fatto, allunga il crepuscolo

per un universo in attesa

di un giorno, abbarbicato

tra la vita e un soffio.

e’ maggio, è sorprendente.

Chiara

 

 

 

 

Stranamente

maggio 5, 2020

IMG-20200420-WA0002

Foto personale.

 

Le ginocchia a piegarsi

oltre il cancello, l’aria era vento

tra i capelli, il sogno

di un effimero spazio

l’andare lontano.

Stanza – di stanza

fuori le mura

il rumore mai scontato

al miglior offerente.

Stranamente c’ero, ci sono

di facciata, un piede fuori

l’altro dentro, in questa gabbia

di scappati di casa.

Si contano i guanti e aumenta

chi non sa quanto ci vuole

per distruggerne anche uno solo.

Brandelli di ricordi legati

in scatole ora aperte.

Aria, all’aperto

in stanze chiuse al traffico

gli scongiuri alle ricadute.

Sto attenta

con il foulard alla bocca

più fico (si può dire? Lo dico).

Al paesaggio domiciliare

mi guarda la finanza

un drone passa e va oltre

il mio vedere, mi vedrò

incontaminata su wortzapp

satellite alla portata

attenta di tutti…in uscita.

Chiara

 

 

Quotidianamente

maggio 2, 2020

20191114_110501

Foto personale.

 

Pulire casa e ascoltare

umidi occhi

e…quanto sale?

Trascinare le parole

da un vaso, Pandora

al sotto vuoto del giorno

poi, raccogliere l’acqua

trascinarla dal nulla

allo specchio

una finestra  aperta ai sogni

e aggiungere libertà

alla spianatoia strisce perfette

si inserisce la farcia

si ripiegano i lati.

Dovrò attendere

ancora, la pazienza è maestra.

Arrivano ancora i corrieri?

Chiara