Foto personale.

Nel verde prato
la casa rifugio di molti
è coltre, accarezza,
la luce, filtra tra i fili dorati
un dolce fruscio
il rumore del silenzio
è cascata di raggi
a parole d’azzurro
con lacrime di vento
oltre i confini di noi.
Ed è una festa
lo scricchiolio delle foglie
nel saluto del fiume
che invade le caverne
dei giorni bui chiusi
a portare il bacio
dell’alito ben augurante
del giorno.

Ecco il mio silenzio
non ha confini ed è
l’incedere della vita
che non si arrende.

Chiara

Explore posts in the same categories: Uncategorized

8 commenti su “”

  1. maxilpoeta Says:

    quella vita che ogni giorno ti detta bellissimi versi da condividere qua con noi, molto brava come sempre!
    Un caro abbraccio 😉

  2. Andrea Says:

    il fiume che invade le caverne nei giorni bui…
    non è facile dimenticare ne tanto meno sottrarsi a ricordi di torti.
    ricordo l’acqua del Nilo tiepida che faceva piacere accarezzare come credo uno scorrere di acqua tiepida faccia benissimo ad un cuore ridotto a caverna

  3. almerighi Says:

    Ecco il mio silenzio
    non ha confini ed è
    l’incedere della vita
    che non si arrende.

    una chiusa assolutamente perfetta, grazie


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: