Archivio per giugno 2016

Passerella

giugno 30, 2016

foto passerella Iseo 019

Foto personale

foto passerella Iseo 009

Sono io che scatto una foto.

 

Oscillazione di perché

onda su onda tra il giallo sole.

Viaggio su terre sconosciute

dove il silenzio è chiuso tra il vociare

e sirene oltre le chiare pagliuzze.

Tutto grida, anche l’acqua

sbatte le sue fauci nella seta

di uno scatto.

Passa piano la paura

l’acqua amica si fa ora

mantello: l’infinito di occhi

a sorpresa.

Cammino a dismisura

incastonata tra schiuma di incognite

a mirar un tempo che dura un clic

su l’ album dei ricordi

a colori accesi.

Bello questo scorcio di vita

morbido sospiro

fiato trattenuto a ricordo

chiuso nelle sponde del cuore

prima che tutto venga spezzettato

e dimenticato.

 

Chiara

Pubblicità

Nelle calde sere

giugno 21, 2016

1980

 

 

Immobile

sorvola l’istante

un raggio di gioia

planare tra bulbi interrati

e caduchi fiori

nel peso del tempo.

Affanno: calura statica

di onde sull’ asfalto

mille pensieri arricchiscono

sventolando il bianco a

smuovere il fiato

pesando le gocce furtive

in una carezza la schiena.

L’amante silenzioso

si cala in un rosso tramonto

alla ricerca del fresco notturno

tra petali e l’erba dolce

di un bacio.

Chiara

 

 

Il sapore dei ricordi

giugno 5, 2016

sweetness-737091_960_720

Foto presa dal web.

 

Assorbo l’incedere lento

dietro false illusioni

pazzia assoluta nel continuare.

Fiato corto, palpitazioni a mille

tutto cambiato: solo il mio io

una goccia nel mare a giocare

allargando il mio sentire ad anelli

nell’infinito dubbio dell’esistenza

essere o non essere?

Nel vortice che il tempo crea

annaspando mi aggrappo

ad ogni cosa che abbia colore

amo i colori.

Come in una collana

una perla un nodo, una perla un nodo

e via,  così, lungo file infinite

di gioie e dolori.

Rosari di attese e mute preghiere.

La collana che preferisco è quella

che compravo da bambina:

una rotellina rosa una azzurra

di zucchero: ricordo ancora il sapore

dolcissimo, come ero io.

Mi tuffo nel passato

per gustarne ogni attimo

a volte mi capita di sentirne l’odore

non si cancella anche se il viaggio

ha inquinato l’aria, quel dolce

amaro ricordo  dei sensi

è lì ad attendermi ad ogni covone

l’estate o in un fiato di fumo

l’inverno, nell’assaggiare la neve.

Amo i colori

amo le collane

amo i ricordi.

 

Chiara